STARGIRL (Jerry Spinelli – Mondadori 2001; Random House Children’s Books)

di w o r (l) d s

STARGIRL*

Quotes:

Al contrario disse, e’ una di noi. Assolutamente. Più di quanto lo siamo noi stessi. In un certo senso e’ come lo siamo realmente . O come eravamo.

La pioggia – sorrise sognante-. È quello che mi piace più di tutto, essere la pioggia.

Non si limitava a vedere. I suoi occhi erano in contatto diretto con il cuore

Quando una Stargirl piange, non piange lacrime ma luce“.

*

Appena finito di leggerlo volevo correre a comprare un ukulele, un topolino e perdermi nel deserto al tramonto…. Vorrei dire di chiamarmi Stargirl anche io…
Ci sono libri che piano piano si fanno spazio nel cuore per poi implodere generando una cascata di emozioni. Stargirl e’ uno di questi: solare, commuovente e profondo. Una favola meravigliosa, ma straordinariamente reale; una favola che insegna l’importanza di essere se stessi e di seguire un po’ di più il proprio cuore e meno ciò che pensa il resto del mondo…

Un libro che va  letto e va fatto leggere.

Trama: Leo si è trasferito dalla Pensilvania in Arizona a 12 anni; colleziona cravatte con immagini di porcospini ed è il regista del programma studentesco “Sedia Rovente” alla scuola di Mica. Il classico liceo di provincia: cheerleader, partite di football, la più bella ed il più’ bello della scuola, gli studenti tutti uguali… ma un giorno arriva lei; Susan Julia Caraway. Stargirl, così si fa chiamare. Gonne hippie, un ukulele a tracolla, un topolino in tasca ed un cuore grande.
Non lascia nessuno indifferente, nemmeno Leo, che per la prima volta si trova ad affrontare le difficoltà che spesso nascono dal cercare di seguire il proprio cuore; dal voler rimanere se stessi, ma non perdere ciò che di nuovo si è trovato; dall’amare qualcuno di diverso e speciale; dal “diventare nessuno” in un mare di cloni.
Difendere il proprio amore può non essere facile, specialmente da se stessi.

 Suggerimenti: da leggere tutto in un fiato, seduti in mezzo ad un campo di fiori in primavera. Colonna sonora? Hoppipola – Sigur Ross, Heroes – David Bowie, When your Love is safe – Active Child

*

Once  I finished reading this book my only thought was: I have to go and buy an ukulele, a “little mouse” and then lose myself in the desert at sunset …

I’d love to call myself  Stargirl as well…
I believe that there are books able to get deep to people’s heart and then implode causing a waterfall of emotions. Stargirl is one of those books.
Strong, deep  and full of life; a wonderful  story.
A “fairy tale” that teaches the importance of being ( and remaining ) themselves, no matter the rest, focusing more on what our heart feels and less on other people’s opinion.

A book that must be read.

Plot: Leo is a young boy that collects ties with hedgehogs’ images on; he moved from Pennsylvania to Arizona when he was 12 years old and now he’s the director of a student program called “Red-hot chair” at Mica’s high school.
Mica’s high school…The classic high school: cheerleaders, football games, the cool guys and the losers… all the student are the same, all the student behave the same… But one day a new girl comes; Susan Julia Caraway.
Stargirl, that’s how she wants to be called; hippie skirts, a little mouse in her pocket, an ukulele worn over the shoulder and a big heart.
Her arrival does not  leave anyone indifferent, neither Leo, who has to face for the first time with the difficulties that often arise trying to follow the flows of our heart… especially when you get to love someone different from all the other people,  someone special…

Sometimes it is not easy to defend our own love; especially from ourselves.

Tips: to be read in one breath, sitting in the middle of a field full of flowers. Soundtrack? Hoppipola – Sigur Ross, Heroes – David Bowie, When Your Love Is Safe – Active Child.

Advertisements